Ugo Farina: basta pressappochismo e individualismo nel settore, per crescere servono qualità e gioco di squadra

Home / REnews / Mercato Immobiliare / Ugo Farina: basta pressappochismo e individualismo nel settore, per crescere servono qualità e gioco di squadra

Il fondatore del Gruppo Casa Re si racconta e analizza il settore dell’intermediazione immobiliare in Italia. Pensieri e spunti di un agente immobiliare di successo, non senza qualche critica alla categoria…

Buongiorno Ugo, puoi gentilmente presentarti ai nostri lettori?

Sono Titolare di Gruppo Casa RE dal 2005.

Ho cominciato prestissimo, 25 anni fa facevo già l’agente immobiliare, per un importante gruppo. Poi ho deciso di cambiare azienda, l’idea era di lavorare con un ritmo diverso rispetto al precedente. Ma i casi della vita hanno fatto sì che dopo pochi anni ho fondato Gruppo Casa RE.

Amo l’azienda che ho costruito, sono ossessionato dall’idea di SQUADRA: mi piace lavorare assieme ai miei collaboratori e ai miei dipendenti.

 

 

La categoria degli agenti immobiliari subisce spesso attacchi dall’interno e dall’esterno… Come si è evoluta secondo te la figura dell’agente immobiliare negli ultimi anni? Cosa bisogna fare per riguadagnare la fiducia della clientela finale affinché torni ad affidarsi alle agenzie?

Il mio percorso professionale è sempre stato sostenuto da un profondo interesse a comprendere quali servizi fossero più adatti a far migliorare le cose. Con il tempo, ho maturato un approccio orientato a prendere sempre più in considerazione la VOCE del cliente.

Oggi, dopo oltre 35 anni di esperienza, l’opinione e il punto di vista del cliente sono imprescindibili dal mio lavoro, per gli innumerevoli spunti e argomenti che possono offrire. E’ proprio in risposta alla poca chiarezza e l’assenza di comunicazione lamentata dai clienti che si rivolgevano anche ad agenti immobiliari, che abbiamo pensato e realizzato la nuova piattaforma OPERAZIONE TRASPARENZA, con cui condividiamo dati e informazioni strutturati per la compravendita.

In un momento in cui c’è disorientamento nel mercato, un senso di smarrimento legato a una crisi che ha imperversato nell’ultimo decennio, non è più tempo di “pressapochismo”.

Oggi più che mai è necessario rendersi conto della situazione attuale del mercato in cui operiamo – popolato da clienti sempre più attenti ed informati dove parole TRASPARENZA e FIDUCIA sono sempre più importanti – e puntare sulla QUALITA’, a tutto vantaggio della professione e dei clienti.

Stando a quello che vedo ogni giorno, presumo che, dall’evoluzione naturale del vecchio mestiere e dalle nuove esigenze dei clienti, nascerà una professionalità “rinnovata” che dovrà essere necessariamente all’altezza del mercato. Un passaggio inevitabile e insieme indispensabile che – chissà… – potrebbe portare questo settore professionale ad acquisire la RISPETTABILITA’ che gli spetta.»

 

Cosa pensi della condivisione degli immobili tra agenzie? Credi che l’MLS sia uno strumento che potrebbe portare benefici alla categoria? Quale credi siano gli ostacoli che attualmente ne stanno impedendo l’affermazione in Italia?

Trovo che purtroppo in Italia troppi agenti immobiliari persistono nel loro inguaribile INDIVIDUALISMO e mi domando perché continuino a nutrire una certa diffidenza verso questa modalità di lavoro. E’ naturale che ogni agente abbia a cuore la propria indipendenza ed individualità, ma continuare a svolgere l’attività, da soli, oggi non è più una strada che possa garantire il successo.

Le piattaforme di multiple listing service (Mls) aumentano le potenzialità degli agenti consentendo loro di collaborare online nella compravendita, consentendo di soddisfare al meglio le richieste della clientela, potendo favorire sia la DOMANDA che l’OFFERTA. La collaborazione tra colleghi garantisce un risultato che il singolo, da solo, non potrebbe mai raggiungere.

Credo che, nell’attuale scenario, solo favorendo i processi collaborativi, ANCHE tra differenti professionalità e competenze, ci si rafforza e si raggiungono i risultati.

 

Il Gruppo Casa RE si distingue per le continue iniziative svolte dal punto di vista pubblicitario e della comunicazione. Cosa rappresenta per voi il Web ed in particolare i portali immobiliari?

Oggi un’azienda è anche quello che racconta ed esprime sul web.

Molte agenzie immobiliari utilizzano i portali come unica forma di promozione. Ma il futuro passa dal sito web, blog, landing page, social… e noi abbiamo deciso di investire sulla formazione digitale, sull’ottimizzazione SEO, su una strategia di marketing mirata e più efficace.

Già da qualche anno abbiamo cambiato impostazione e organizzazione nella comunicazione aziendale. Siamo più focalizzati sui CONTENUTI e attenti alle esigenze espresse dai nostri clienti. Con una presenza continuativa e strutturata, con contenuti esaustivi e di qualità: mettiamo in rete la nostra esperienza e raccontiamo ai clienti come abbiamo risolto un problema. Raccontiamo una buona pratica che ha prodotto un buon risultato. Interveniamo nelle discussioni, insomma ci mettiamo in gioco!

È un cambio di mentalità con cui oggi bisogna confrontarsi. Non è una passeggiata, c’è bisogno di grossi investimenti e di formazione. Ma il marketing non può in alcun modo essere secondo a niente.

 

Sappiamo che da qualche tempo siete diventati agenzia Unicredit SubitoCasa… come cambierà secondo te il mercato immobiliare con l’ingresso delle banche?

Le banche sono una realtà con cui confrontarsi come un qualsiasi altro collega e noi lo stiamo facendo con soddisfazione. Non li ho mai considerati competitors, ma COLLEGHI che hanno scelto gli stessi percorsi.

Ho pensato sin dall’inizio che non dovevamo temere l’ingresso delle banche nel mercato immobiliare. Anzi, credo di essere uno dei pochi operatori del settore che – mentre in tanti si opponevano – ha intravisto un’opportunità. Protagonisti qualificati ci danno lustro e fanno bene alla nostra attività.

Guardo con grande rispetto al loro lavoro, ho sempre il piacere di confrontarmi e l’aumento del volume d’affari che è derivato dalla collaborazione con Unicredit Subito Casa mi conferma che forse abbiamo centrato il business – anche se continuo a non dare mai nulla per scontato.

 

Gli ultimi dati OMI comunicati dall’Agenzia delle Entrate sono positivi e confermano il trend di crescita del settore. Come sta andando l’immobiliare a Roma?

Lo scorso anno il totale delle COMPRAVENDITE registrate a ROMA è stato 30.253, cioè il 10,6% in più rispetto al 2015. In PROVINCIA ancora meglio, qui si è registrato un +20,3%.

Il mercato nella capitale è piuttosto vivace e caratterizzato da un’offerta eterogenea.

I trilocali sono gli immobili più richiesti con il 43,9% del totale della domanda. Anche i bilocali continuano a essere ancora molto richiesti (31,6%) e venduti più velocemente in città.

Le richieste di immobili da acquistare, a titolo di investimento o per cambiare casa, sono in crescita. E questa mi sembra un’ottima opportunità da cogliere per quanti intendono VENDERE una casa a Roma.

 

In ultima analisi, che consigli ti senti di dare oggi a un agente immobiliare che vuole avere successo?

Il segreto è avere entusiasmo e pazienza, onestà e rispetto delle regole, ma soprattutto dedizione al lavoro. Gli aggiornamenti devono essere continui, ma anche l’esperienza gioca un ruolo cruciale.

La formazione è indispensabile, oggi oltre alle competenze tecniche servono anche competenze individuali, per esempio comportamentali, per sviluppare di nuovo la FIDUCIA nelle persone.

Oltre a tutto questo, ciò che conta sono le idee, la visione imprenditoriale, la capacità di guardare in avanti e il desiderio reale di fare la differenza

2 Comments

  • Fabrizio Costantini

    Le parole di Ugo possono indurre un giovane a capire con quale spirito può lanciarsi in questo settore e con quale maglia giocare questa partita. Gruppo CasaRE è la scuola giusta per chi vuole godere di una realizzazione personale lavorativa Top.

  • Io lavoro con Ugo da quasi dieci anni e posso affermare che i concetti da lui espressi in quest’articolo, sono stati spunti su cui ha costruito le nuove strategie, sempre messe in pratica, che costituiscono il nostro forte legame professionale. Dopo 30 e più anni di professione, dopo aver conosciuto tanti imprenditori e tanti bravi agenti immobiliari, in Gruppocasare ho trovato la “SQUADRA”1 che mi rispecchia e mi da lo stimolo oltre che i mezzi per migliorarmi.
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *