Ripresa o ripresina? Il sentiment delle agenzie immobiliari per il 2018

Home / REnews / Mercato Immobiliare / Ripresa o ripresina? Il sentiment delle agenzie immobiliari per il 2018

Come sta cambiando il mercato immobiliare? Che evoluzione hanno percepito le agenzie immobiliari italiane sul loro fatturato? Si può davvero parlare di ripresa o la situazione del mattone in Italia è ancora tristemente stazionaria? Lo abbiamo chiesto direttamente agli agenti. Ecco cosa ci hanno risposto…

 

Un mercato fondamentalmente stabile

Quanto all’andamento delle vendite, il 48% degli intervistati non ha percepito nessuna evoluzione, ritenendo le vendite fondamentalmente stabili rispetto all’anno precedente. Tuttavia, una percentuale molto vicina, il 45%, ha avvertito un aumento nel livello delle vendite. Solo il 7% percepisce una diminuzione rispetto all’anno precedente. La percezione è distribuita in maniera pressoché simile nelle regioni del sud, del centro e del nord.

Prezzi

Quanto all’andamento dei prezzi, il 57% degli intervistati li percepisce come stabili, il 37% nota una diminuzione nel livello dei prezzi, solo il 6% – una percentuale tutto sommato trascurabile – riscontra un aumento.

Sentiment generale

La maggior parte degli agenti immobiliari (47%) si dice ottimista circa l’andamento del mercato e sicuro di un futuro miglioramento nelle transazioni. Un 34% degli intervistati – più cauto – preferisce mantenersi neutro, il 19% è invece pessimista.

Correlazione positiva con utilizzo MLS

Per quanto riguarda l’utilizzo dell’MLS, emerge una nota positiva, da non sottovalutare. Infatti, più del 59% degli agenti immobiliari che usano di frequente questa metodologia operativa ha percepito un aumento nelle vendite, mentre solo il 36% di coloro che non usano affatto il multiple listing service o lo usano di rado ha percepito un aumento delle vendite nel 2017.

Composizione fatturato

In media, il fatturato aziendale dei rispondenti è composta al 76% da vendite, al 24% da affitti.

Dimensione delle agenzie

Il 78% delle agenzie rispondenti è composto da meno di 5 dipendenti; il restante 22% ha più di 5 dipendenti (solo lo 0,1% ha più 10 dipendenti). La dimensione non sembra comunque influire sull’andamento delle vendite – o, quantomeno, sulla percezione dell’andamento – rispetto all’anno precedente.

 

Franchising sì / franchising no?

Oltre il 70% dei rispondenti è un agente immobiliare proprietario di/impiegato in un’agenzia indipendente, non affiliata a franchising. Tuttavia, dai dati emerge che i franchisee hanno percepito maggiormente un aumento delle vendite: circa il 52% dei franchisee – più della metà – ha infatti risposto di aver riscontrato un aumento nelle vendite, contro il 41% dei colleghi indipendenti.

Il quadro è dunque tutto sommato confortante per il residenziale. Emerge una sostanziale differenza di percezione tra agenti che operano in grossi centri abitati (città capoluogo di provincia) e agenti che operano in provincia e – contrariamente a quanto si possa pensare – sono i secondi a notare un miglioramento nelle vendite: il 60% degli agenti che operano in provincia ha riscontrato un aumento nelle vendite, contro il 34% di quanti lavorano nei grossi centri urbani, che si mantengono – più cauti – sulla stabilità.

Alla domanda “La percentuale di sconto media nazionale è del 14,5% rispetto al prezzo richiesto dal venditore. Ritieni questo dato attendibile?”, i mediatori si dividono: per il 53,5% è sì, per il restante 46,5% è no. La percentuale di sconto media che emerge dal questionario è, a livello nazionale, del 16,45% – leggermente più alta.

Al sondaggio hanno partecipato 200 rappresentanti di agenzie immobiliari, sparsi su tutto il territorio italiano. Si tratta per lo più titolari di agenzia (82%) e, in minima parte, di agenti non titolari (13%) o assistenti (5%).

One Comment

  • Salve, penso che i prezzi rispetto a prima della crisi siano al meno mediamente sotto il 20% di ribasso in alcuni casi si arriva anche al 30%, e quello che le persone comprano lo comprano solo per affare se i prezzi dovessero riaumentare il mercato si bloccherebbe di nuovo per non parlare della concorrenza sleale delle Banche che vendono gli immobili a prezzi stracciati in quanto la loro prima buona parte l’hanno già incassata e questo è deplorevole perche se il mediatore immobiliare non può fare anche quello creditizio non togliendo niente alle Banche, perchè la banca in quanto ente creditizio può fare anche quello immobiliare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *