MLS: a che punto siamo in Italia?

Home / REnews / Mls e Collaborazione / MLS: a che punto siamo in Italia?

synergy_cropped_w1024

Abbiamo già trattato in passato del tema Multiple Listing Service (MLS), un sistema nato e sviluppato in USA, dove da sempre rappresenta il modello operativo standard dell’agenzia immobiliare. Questo sistema prevede la condivisione delle liste degli immobili tra le agenzie immobiliari aderenti, favorendo una più ampia collaborazione tra agenti e la possibilità di matching tra immobili e richieste clienti. Abbiamo parlato abbondantemente anche dell’importanza della diffusione dello strumento e, in maniera congiunta, del modello operativo in Italia e delle criticità e potenzialità della collaborazione tra agenti immobiliari. Ora, a più di un anno dalla nascita dell’MLS WikiRe, è il momento di tirare le somme e fare una riflessione sulla diffusione dell’MLS tra le agenzie del Bel Paese.

Ad oggi, www.wikire.it conta quasi 5.500 agenzie iscritte e più di 21.000 immobili condivisi in tutta Italia. Ma vediamo meglio, attraverso i nostri dati, quali sono le tendenze regione per regione e come viene percepito questo servizio, o meglio, questa metodologia operativa nelle varie aree e città.

In pole position, con un notevole stacco rispetto alle altre città, troviamo Roma con 54 agenzie attive e Milano con 53 agenzie, appena una di meno. Oltre al fatto di rappresentare le due città più popolose d’Italia, questo dato, quasi scontato, è un riflesso del loro specifico mercato immobiliare che, rispetto ad altre zone d’Italia, è notoriamente molto attivo e in costante fermento. Tuttavia, mentre in termini di agenzie collaborative le due città sono quasi alla pari, in termini di immobili condivisi Roma distanzia Milano di molto. La prima città, infatti, conta circa 1320 immobili condivisi, contro gli 899 della seconda.

Al terzo posto troviamo poi Torino e provincia con 37 agenzie. Ma, a differenza di quanto si possa pensare, non sono solo le città del nord a contribuire alla condivisione degli immobili. Ritroviamo buoni numeri anche al sud, con Salerno (e provincia) che, nonostante non si tra le aree più popolose d’Italia, conta ben 22 agenzie e supera, seppur di poco, Napoli con sole 20 agenzie.

Palermo si posiziona sesta nella classifica tra le città che condividono di più, seguita da Genova e Bari.

Tra le regioni meno collaborative troviamo, invece, Calabria, Molise, Trentino e Friuli, ma, probabilmente, tenendo conto delle dimensioni, la scarsa collaboratività dell’Emilia che si attesta al nono posto tra le regioni peggiori è ancor più significativa. Anche la performance del Veneto non è eccitante, con appena 34 agenzie attive. Fanno meglio Campania (55), Piemonte e Toscana (entrambe 45).

In genere è possibile notare che, indipendentemente dalla grandezza della città, esiste un effetto rete per cui più sono le agenzie che utilizzano l’MLS nell’area, più lo strumento è efficace ed utilizzato. In altre parole, l’utilità di chi condivide dipende dal numero di altre agenzie che condividono.

In ultimo ci sentiamo legittimati a dire che, nonostante i giganteschi passi in avanti rispetto al passato e nonostante le agenzie italiane comincino ad apprezzare i benefici dell’MLS, esistono ancora ampi margini di miglioramento nella diffusione di questo modus operandi. Ma siamo fiduciosi.

Il team di WikiRe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *