House Hunters international porta le case del bel Paese alla tv americana

Home / Case,cose & curiosità / House Hunters international porta le case del bel Paese alla tv americana

Alessandro Pasqual, agente immobiliare veronese, partecipa alla puntata del format televisivo statunitense ambientata a Verona.

 

 

House Hunters Internationalspin-off del più famoso House Hunters – è uno show televisivo dell’emittente americana Hgtv che segue individui, coppie o famiglie alla ricerca di una nuova casa all’estero, con l’assistenza di un agente immobiliare. Normalmente il format prevede che i protagonisti a caccia di casa debbano trasferirsi dagli Stati Uniti o dal Canada in un altro Paese (principalmente in Europa, Asia, America centrale o Sud America) con una lingua e una cultura differenti da quella di origine, che sia per inseguire un’opportunità di lavoro, per acquistare una seconda casa o semplicemente per godersi la pensione. In ogni episodio, gli acquirenti devono decidere tra tre proprietà, scegliendone una prima della fine dell’episodio.

Nella puntata dedicata a Rick e Ron – coppia americana appassionata di opera e innamorata di Verona, che intende stabilirsi nella città degli innamorati – il veronese Alessandro Pasqual dell’agenzia immobiliare Gabetti Verona Centro, complice il caso, è finito per diventare co-protagonista.

Sebbene il format televisivo sia quello di un reality show, i produttori di solito reclutano compratori che sono già in deposito con una delle case che compaiono nell’episodio. Infatti, Rick e Ron in realtà la loro casa a Verona l’avevano già comprata. L’incontro con Pasqual è fortuito: un collega chiede ad Alessandro se può accompagnare i due nel nuovo appartamento e da lì, grazie anche all’ottimo inglese di Alessandro, tra i 3 nasce un rapporto di cordialità e simpatia.

È quasi naturale, allora, che quando la casa produttrice di House Hunters sceglie la storia di Rick e Ron per una nuova puntata del programma, Pasqual venga scelto per partecipare alla puntata in qualità di agente immobiliare: dovrà occuparsi di trovare le location e ottenere tutta la documentazione necessaria (la liberatoria da parte dei proprietari per filmare le riprese).

Alessandro si è detto felice dell’esperienza, che ha trovato divertente e formativa: “è stata una bellissima esperienza, che mi ha fatto capire molte cose sui tempi delle registrazioni e su come stare davanti ad una telecamera: registrare 19 minuti di programma ha impiegato il lavoro di 7 persone per 2 settimane, con dialoghi ripetuti all’infinito e scene rifatte centinaia di volte”.

Le riprese della puntata sono state effettuate a febbraio e l’episodio è andato in onda negli Stati Uniti il 28 di settembre e in Italia… chissà… Intanto, potete godervi la versione italiana del format, in onda su Real Time, dal titolo “Cerco casa disperatamente”.

Qui la puntata integrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *