House Hunters international porta le case del bel Paese alla tv americana

Home / Case,cose & curiosità / House Hunters international porta le case del bel Paese alla tv americana

Alessandro Pasqual, agente immobiliare veronese, partecipa alla puntata del format televisivo statunitense ambientata a Verona.

 

 

House Hunters Internationalspin-off del più famoso House Hunters – è uno show televisivo dell’emittente americana Hgtv che segue individui, coppie o famiglie alla ricerca di una nuova casa all’estero, con l’assistenza di un agente immobiliare. Normalmente il format prevede che i protagonisti a caccia di casa debbano trasferirsi dagli Stati Uniti o dal Canada in un altro Paese (principalmente in Europa, Asia, America centrale o Sud America) con una lingua e una cultura differenti da quella di origine, che sia per inseguire un’opportunità di lavoro, per acquistare una seconda casa o semplicemente per godersi la pensione. In ogni episodio, gli acquirenti devono decidere tra tre proprietà, scegliendone una prima della fine dell’episodio.

Nella puntata dedicata a Rick e Ron – coppia americana appassionata di opera e innamorata di Verona, che intende stabilirsi nella città degli innamorati – il veronese Alessandro Pasqual dell’agenzia immobiliare Gabetti Verona Centro, complice il caso, è finito per diventare co-protagonista.

Sebbene il format televisivo sia quello di un reality show, i produttori di solito reclutano compratori che sono già in deposito con una delle case che compaiono nell’episodio. Infatti, Rick e Ron in realtà la loro casa a Verona l’avevano già comprata. L’incontro con Pasqual è fortuito: un collega chiede ad Alessandro se può accompagnare i due nel nuovo appartamento e da lì, grazie anche all’ottimo inglese di Alessandro, tra i 3 nasce un rapporto di cordialità e simpatia.

È quasi naturale, allora, che quando la casa produttrice di House Hunters sceglie la storia di Rick e Ron per una nuova puntata del programma, Pasqual venga scelto per partecipare alla puntata in qualità di agente immobiliare: dovrà occuparsi di trovare le location e ottenere tutta la documentazione necessaria (la liberatoria da parte dei proprietari per filmare le riprese).

Alessandro si è detto felice dell’esperienza, che ha trovato divertente e formativa: “è stata una bellissima esperienza, che mi ha fatto capire molte cose sui tempi delle registrazioni e su come stare davanti ad una telecamera: registrare 19 minuti di programma ha impiegato il lavoro di 7 persone per 2 settimane, con dialoghi ripetuti all’infinito e scene rifatte centinaia di volte”.

Le riprese della puntata sono state effettuate a febbraio e l’episodio è andato in onda negli Stati Uniti il 28 di settembre e in Italia… chissà… Intanto, potete godervi la versione italiana del format, in onda su Real Time, dal titolo “Cerco casa disperatamente”.

Qui la puntata integrale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *