Cos’è la Blockchain e come può essere utilizzata nel settore immobiliare

Home / Senza categoria / Cos’è la Blockchain e come può essere utilizzata nel settore immobiliare

Negli ultimi anni la tecnologia dei bitcoin e delle blockchain ha guadagnato popolarità e – sebbene siano principalmente noti per il loro utilizzo come sistemi di pagamento digitale – queste tecnologie hanno usi promettenti in molte altre aree in cui consentono di migliorare la fiducia, contenere i costi e incrementare l’efficienza – incluso il settore immobiliare.

Blockchain, cos’è esattamente?

Blockchain è un sistema di contabilità sicuro, immutabile, trasparente e condiviso che registra le transazioni, o blocchi, che avvengono tra i nodi di una rete. In questo sistema, ciascun blocco è collegato al blocco precedente e non può essere modificato o annullato una volta aggiunto alla catena. Il database è aperto e trasparente e tutti i partecipanti possono vedere tutto in qualsiasi momento. Essendo un archivio aperto e modificabile solo con il consenso di tutti i partecipanti, la blockchain non richiede un amministratore centrale per garantire la veridicità di ogni transazione. È essenzialmente una soluzione tecnologica alla questione della fiducia nelle transazioni digitali.

Blockchain e Bitcoin

Spesso le Blockchain vengono confuse e assimilate con i Bitcoin, ma in realtà, le Blockchain sono la tecnologia sottostante ai bitcoin, che non sono altro che token digitali che consentono a una parte di pagare l’altra per i beni e servizi ricevuti, proprio come se si trattasse di denaro contante. Proprio come un biglietto da un dollaro, un bitcoin, una volta utilizzato, passa permanentemente a un’altra persona e non può essere riutilizzato o ritirato unilateralmente. Con una banconota da un dollaro, questo si verifica perché il denaro passa fisicamente a un’altra parte; con un bitcoin, ciò avviene perché la transazione è incisa nel libro mastro pubblico e non può essere annullata.

Vantaggi delle Blockchain

La tecnologia Blockchain annulla il pericolo di incorrere in situazioni spiacevoli, simili a quella di ricevere un assegno in bianco in cui non vi è alcun valore nell’account sottostante o di pagare un venditore per un bene che in realtà che non possiede. Inoltre, poiché la transazione stessa è sicura, il costo della transazione può essere notevolmente inferiore rispetto ai metodi di pagamento tradizionali come i pagamenti con carta di credito, le rimesse internazionali o qualsiasi situazione in cui vi sia un garante di terze parti.

Blockchain e immobiliare

Il settore immobiliare sta prendendo atto di questi potenziali benefici. Startup immobiliari come RealtyShares accettano i bitcoin come pagamento per abbassare le commissioni di transazione e per aprire l’investimento agli investitori internazionali che spesso hanno a che fare con strumenti strutturati tradizionali complicati. Oltre all’uso di bitcoin come metodo di pagamento, le due aree principali nel settore immobiliare in cui si prevede l’utilizzo di bitcoin o blockchain sono la creazione e ricerca di una catena di titoli per la proprietà e in funzioni di deposito a garanzia per scambi di valore.

Risalire ai titoli di proprietà di un immobile

Lo stato attuale della registrazione dei titoli di proprietà di beni immobili è obsoleto, frammentato e disorganizzato. Molti Paesi si affidano ancora a registri cartacei che rendono il processo di risalita lungo la catena dei passaggi di proprietà dell’immobile lento e poco sicuro, esponendo gli acquirenti al rischio di frodi. Vi è un vantaggio potenziale enorme nel collegare una catena di titoli di proprietà ai bitcoin o ad altri sistemi di contabilità distribuita, proprio per le caratteristiche insite in queste tecnologie, cui accennavamo prima.

Garanzia per gli scambi

La tecnologia blockchain semplificherebbe anche il meccanismo dei depositi di denaro a garanzia degli scambi tra le parti di una transazione. Anziché servirsi di una terza parte neutrale cui depositare i fondi – con tutte le difficoltà che ciò comporta – è possibile utilizzare la tecnologia blockchain, che consente transazioni multisignature in cui, una volta che tutte le parti obbligatorie firmano, o quando le condizioni verificabili sono soddisfatte, i fondi vengono rilasciati automaticamente.

Notarchain e la proattività del Notariato italiano

In Italia, il Consiglio Nazionale del Notariato – intuendo i grandi benefici delle blockchain – ha avviato ad ottobre 2017 un progetto  in collaborazione con IBM per realizzare Notarchain,  il primo modello di blockchain sicura in Europa nella quale viene fornita non solo la certezza della immodificabilità dei dati inseriti, ma anche un controllo preventivo sull’identità dei soggetti coinvolti e sulla correttezza e completezza dei dati inseriti nella catena. Si tratta di una base digitale di archiviazione e gestione di ogni tipo di file digitale e pertanto il suo utilizzo potrà in futuro essere esteso a molti ambiti applicativi che necessitano di un sistema di maggiore sicurezza e certificazione (disegni, opere d’arte, beni mobili in genere).

Rischi

Vi sono ancora numerose e complesse preoccupazioni legate all’uso della tecnologia blockchain nel settore immobiliare, comprese le questioni relative alle sue effettive implicazioni sulla sicurezza e alla capacità di riflettere la complessità di transazioni articolate. Tuttavia, l’enorme potenziale di questa tecnologia richiede un’attenzione e un monitoraggio costanti su novità tecnologiche e potenziali ambiti di applicazioni da parte delle istituzioni e del mondo accademico. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi futuri!

 

 


Leggi anche: “Bitcoin e immobiliare: dal riscaldamento all’acquisto di una casa, gli impieghi della criptovaluta nel mondo immobiliare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *