Charlie Bryant di Zoopla: “Cambiamenti tecnologici disruptive hanno rivoluzionato il modo di cercare casa. Ecco perché non basta pubblicare sui portali”

Home / REnews / Innovation / Charlie Bryant di Zoopla: “Cambiamenti tecnologici disruptive hanno rivoluzionato il modo di cercare casa. Ecco perché non basta pubblicare sui portali”

Charlie Bryant Managing Director di Zoopla, il portale immobiliare N. 2 nel Regno Unito, effettua una lucida analisi sui progressi fatti nel campo del marketing immobiliare e spiega perché non è più sufficiente pubblicare un annuncio su un portale di settore per fare web marketing immobiliare in maniera efficace*

Il modo in cui gli agenti immobiliari lavorano è cambiato in modo disruptive negli ultimi cinque anni. E’ ormai evidente a tutti che – visti i progressi lato digital – non è più sufficiente pubblicare gli annunci degli immobili in vendita o in affitto su uno o più portali di settore per implementare un efficace piano di promozione online.

Diversi tipi di pubblico risponderanno in vari modi alla miriade di canali di comunicazione ora disponibili online  e, spesso, un messaggio deve essere visto o ascoltato più volte su più piattaforme prima di arrivare al destinatario.

I progressi fatti nel campo del marketing digitale permettono agli agenti di targettizzare, profilare e programmare azioni di marketing mirate, ampliando in maniera esponenziale la gamma e l’efficacia degli interventi possibili.  

Esiste tutta una serie di strategie di marketing digitale che gli agenti stanno esplorando e implementando sempre di più a loro vantaggio, dall’influencer marketing su Instagram, alle attività di SEO volte ad assicurarsi che il sito web d’agenzia sia perfettamente utilizzabile e ben posizionato nel ranking dell’algoritmo di Google.

Il ruolo dei portali dovrebbe essere quello di offrire un servizio che integri e amplifichi le strategie di marketing degli agenti, con una forte attenzione a ricercare le ultime innovazioni in campo di marketing digitale.

A maggio, Zoopla ha condotto un sondaggio su un campione di 2.000 intervistati attivamente in cerca di un immobile. Solo il 20% degli intervistati ha rivelato di aver utilizzato solo portali immobiliari per cercare l’immobile e solo il 7% ha dichiarato di servirsi esclusivamente dei siti web delle agenzie per la ricerca.

Ciò riflette la vivacità del consumatore/utente nell’era digitale. In definitiva, i consumatori dispongono di una serie di fonti di informazioni a portata di mano e non hanno paura di usarle per ottenere il miglior risultato possibile. Spingere il proprio messaggio (l’annuncio immobiliare) su più canali può essere un efficace metodo di rinforzo.

Questa ricerca dimostra che una strategia ibrida quando si commercializza una casa è la chiave per massimizzare la risonanza del messaggio pubblicitario e assicurarsi che sia venduta il più rapidamente possibile e al miglior prezzo possibile.

Il mix di canali che gli agenti possono utilizzare per commercializzare una casa è in continua evoluzione con piattaforme social innovative e le modifiche all’algoritmo di Google che cambiano e si evolvono in continuazione. Le strategie di successo dipenderanno sempre di più dai Big Data, ovvero dai dati demografici e di mercato in mano agli agenti.

Gli agenti più innovativi staranno ben attenti a mantenere il controllo dei dati demografici locali, sfruttandoli attraverso i canali di comunicazione che utilizzano.

Saranno anche disposti a testare nuove strategie di marketing e ad assumersi dei rischi.

In questo ambiente in continua evoluzione, il migliore dei portali possibili non è in realtà un portale puro, ma è un partner collaborativo che aiuta gli agenti a raggiungere il pubblico più ampio, pertinente e complementare alle proprie strategie di marketing.

Se un portale si limita ad essere solo un portale rischia di diventare superfluo; se agisce come un vero partner per gli agenti immobiliari, invece può essere molto più di un semplice portale.

Ecco perché i portali dovrebbero presentarsi agli agenti come un valido partner commerciale e di marketing, consentendo loro di servire i propri clienti attraverso l’intera gamma di canali marketing oggi disponibili piuttosto che limitarsi a pubblicare elenchi digitali di proprietà.

Dal punto di vista di Zoopla, stiamo sempre più cercando di fornire agli agenti le idee e i servizi più freschi per aiutarli a iniziare e sviluppare il loro percorso di marketing digitale, e c’è ancora molto da fare su questo fronte.

*Articolo di Charlie Bryant per Propertyindustryeye.com. Leggi originale: ‘Read my lips: Just being on a portal does not cut it for agents’ says Zoopla boss in first column for EYE

N.B. In Italia un portale che opera in questo senso esiste già ed è Wikicasa.it, portale che, grazie ad un mix di Servizi di Digital Marketing, aiuta gli agenti immobiliari a promuovere gli immobili a 360° sul web mostrandoli ad un pubblico targetizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *