Quando boicottare le agenzie immobiliari diventa di moda

Home / Prima Pagina / Quando boicottare le agenzie immobiliari diventa di moda

Sul web fioriscono i siti No Agenzia. Sono sempre di più e promettono a chi cerca casa su internet un servizio analogo a quello dell’agenzia, ma senza le spese di provvigione.

 

Tra gli ultimi, NO-AGENZIA.COM – esplicativo fin dall’url –  si concentra sul mercato di Genova e al costo di 449 euro promette grandi risultati. Questi, nella sostanza, i servizi offerti. Il sito permette di prenotare un esperto di zona (cosa si intende per esperto? Si tratta di un soggetto abilitato?) che – assicura il sito – senza impegno visiterà la proprietà e farà una valutazione gratuita dell’immobile per aiutare il cliente a capire come funziona il mercato e in quale fascia di prezzo potrebbe collocarsi la sua abitazione.

 

L’esperto in questione è anche fotografo professionista, farà delle foto professionali dell’immobile, ad alto impatto emotivo, perché – dice il sito – le immagini valgono più di mille parole. Dopodiché l’immobile viene promosso sul web con: pagina web dedicata, campagne social e mailing-list a un database di  compratori privati. Il sito si occuperà anche di filtrare le richieste.

 

Qui come portale immobiliare ci sentiamo in dovere di avanzare delle riserve sul funzionamento di una tale strategia marketing (ne avevamo già parlato qui): gli utenti cercano la varietà, i grandi portali che raggruppano centinaia di migliaia di annunci – ergo i siti d’agenzia non posso competere – e anche i social network se utilizzati senza campagne mirate sono poco efficaci per promuovere gli immobili, perché le persone non vanno su Facebook per cercare casa.

 

Gli esperti di NO-AGENZIA.COM  poi, si occupano delle visite, mostrando la casa a potenziali acquirenti e distribuendo loro brochure dettagliate, che fungeranno da biglietto da visita della proprietà.

 

Il sito continua: “Se lo vorrai (formula poco trasparente… ci sono costi aggiuntivi?) saremo noi a stilare la proposta di acquisto insieme al compratore, controllando la documentazione e aiutandoti passo passo. Persone vere, al tuo fianco fino all’atto!”

 

Insomma, il sito promette tutti i servizi che un professionista del settore può offrire a zero commissioni di acquisto e vendita.

 

E non è l’unico. Siti del  genere esistono non solo a Genova, ma un po’ ovunque – ne nascono ogni giorno di nuovi – e tra concorrenza agguerrita e petizioni online, gli agenti immobiliari sono una delle categorie più bistrattate dal web.

 

Anche all’estero fioriscono le agenzie immobiliari online, è il caso di Purplebricks.com in Gran Bretagna che si presenta come un agente virtuale e dichiara guerra ai tradizionali agenti immobiliari su strada, considerati da Michael Bruce, CEO del portale, ‘scomodi, datati e costosi’. Secondo gli ultimi dati pubblicati dal portale, il sito registrerebbe una vendita ogni 16 minuti.

 

E voi cosa ne pensate?

2 Comments

  • la differenza esiste tra un servizio web ed un servizio di chi con esperienza di vendita e trattative, sa portare il livello di prezzo tra domanda ed offerta sui giusti livelli di mercato e spesso chiudere trattative complesse senza truffe o inganni.Poi se come nell’ applicazione potacci in viaggio, uno vuole risparmiare su tutto, puo farlo assumendosi i rischi di percorso.Scegliendo bene l’ agente immobiliare si avra’ un servizio a 5 stelle.

  • Purtroppo ce ne sono molti altri tra cui IMMO-NEO.COM, e gli stessi portali che noi agenti utilizziamo IMMOBILIARE.it con i suoi spot pubblicitari fa intendere chiaramente che non sono le agenzie che pubblicano a vendere gli immobili ma il portale stesso. Arduo diventa giustificare le provvigioni di un agente per un lavoro cosi semplice !! Io credo che in realtà l’agente immobiliare dovrebbe chiedere oggi un compenso come fee d’ingresso per tutti i servizi che rende a costo zero e poi ricaricare l’immobile di un 3/4% a seconda e immetterlo sul mercato prezzo agente incluso. Al fine di qualsiasi prodotto commerciale dove il guadagno del distributore che è un commerciante è il ricarico sul prodotto. Forse un ripensamento del sistema sarebbe utile ma in termini di associazione e nazionale. Non a livello individuale. Forse fare una pubblicità in televisione a nostro favore.. e cioè noi oltre all’esperienza di vendere immobili abbiamo anche la capacità di mettere daccordo venditore e compratore che rimane uno dei cardini del nostro lavoro. La trattativa non ne parla nessuno!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *